Nuova normativa sulla gestione del Covid in ambito scolastico, in vigore dal 1 aprile 2022

Caricato in il 1 Aprile 2022 alle 6:49 AM da

Ultima modifica il 1 Aprile 2022

Si pubblica di seguito la Circolare MI n° 410 del 29.3.22

m_pi.AOODPPR.REGISTRO_UFFICIALE(U).0000410.29-03-2022

 

In sintesi:

Infanzia, Primaria e Secondaria
Fino a tre casi positivi nella classe: per bambini maggiori di 6 anni e personale scolastico mascherina chirurgica (consentiti altri tipi)
Dai 4 casi positivi nella classe: per bambini maggiori di 6 anni e personale  scolastico mascherina FFP2 per 10gg da ultimo contatto

Per gli alunni POSITIVI di primaria e secondaria: DDI con richiesta della famiglia +cert. medico in cui sia scritta la positività e condizioni mediche che permettano di seguire le lezioni a distanza
Per gli alunni fragili che non possono seguire in presenza: DDI con richiesta della famiglia +cert. medico di impossibilità a seguire le lezioni in presenza

 

PER TUTTI:
-alla prima comparsa di sintomi tampone (+ tampone al quinto giorno se ancora si hanno sintomi), se il tampone è autosomministrato l’esito negativo può essere autocertificato
-il personale scolastico non è da conteggiare
-i casi successivi si contano come legati tra loro solo se l’esito positivo del tampone è datato entro il 5° giorno dal caso precedente
-no mascherina per l’attività motoria/sportiva
-distanza di almeno un metro ove consentito
-no ingresso/permanenza a scuola con temperatura corporea superiore a 37,5°
-si a gite e manifestazioni sportive (MA IL NOSTRO ISTITUTO NON LE HA PREVISTE)
-l’alunno guarito dal Covid rientra con esito negativo del tampone rapido o molecolare (non autocertificato)
-le disposizioni sanitarie le da solo l’ASL
-nell’app Verifica C19 la modalità “studente” non è più attiva
-l’ingresso a scuola è consentito con Green Pass base

NB: come già pubblicato in un precedente avviso, le quarantene/DDI già disposte da ASL dovranno essere svolte come indicato nella mail ricevuta dalle famiglie, finchè non perverranno annullamenti da parte dell’ASL stessa (come successo, invece, al cambio precedente di normativa)